Uomini e Donne. Convergenze parallele

Capisco che scrivere sulle differenze tra uomini e donne non rappresenti un tema di assoluta novità nel panorama letterario nazionale. Ci sono comici, ma anche valenti scrittori, che ci campano da una vita. E senza volere essere simpatici, ma solo descrivendo quello che vedono, senza neppure una fantasia eccessiva.

La verità è che uomini e donne sono identici: per approccio, intelligenza, attitudini, spirito, etc.

Eppure sono diversi, almeno fisicamente. Questo è sufficiente affinché a questa differenza macroscopica se ne associno – più o meno a ragion veduta – milioni di altre, spesso solo speculative.

I due terzi delle dinamiche sociali che condizionano i nostri rapporti (e in definitiva la nostra vita) sono dettate da convenzioni che per: abitudine, romanticismo, interesse, prepotenza o – semplicemente – affetto, vengono ancora rispettate per regolare quegli aspetti della nostra esistenza per fortuna ancora non regolati da leggi e codicilli vari.

Quindi se è vero che non posso tollerare alcuna forma discriminatoria in campo lavorativo tra uomo e donna, è anche vero che mi intristisce l’idea di un mondo di relazioni senza un minimo di cavalleria (che sottende un estremo rispetto e non certo prevaricazione) da parte maschile, oppure privo di alcuna gentilezza femminile (che non vuole essere seduttiva ma solo spontanea).

Un mondo così non potrebbe che essere arido e per me inospitale.

E proprio mentre mi trovo a fare queste ingenue (!) considerazioni capisco che parte della mia vita non potrà che svolgersi come in fotografia: alienato insieme ai miei simili e costretto al gelo o a subire temperature tropicali, in attesa che l’altra metà del cielo – bellissima e pericolosa, come fiera in battaglia – ci regali un sorriso dal camerino (perché, nonostante tutto, siamo ancora lì, come dei fessi).

2 thoughts on “Uomini e Donne. Convergenze parallele

  1. Rai, tu sei un uomo fantastico!
    Credo che la pazienza e il rispetto, quando li hai nel dna e ti vengono spontanei, senza più pensarci, come un atto naturale, ecco…li sta il vero straordinario. E figlia di pazienza e rispetto è la pace (propria e degli altri).
    Grande traguardo per un 2018 finalmente umano! Lotoflove dear!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...