Brasil

20140314-010831.jpg

– Maccome? Ancora nn ti hanno portato i biscotti???
Sapevo che nn c’era da fidarsi del corriere. Già li vedevo, poveri e ignari, strafogati senza ritegno da chi li doveva proteggere e consegnare.
– Mo’ te li porto io!!!
Ho detto con tanto di spocchia.

Quando ho chiamato Claudia per dire che le avrei preso i cioccolatosi Brasil, in effetti, ero davanti allo stand dei Gentilini a Termini, semplice ma bello con tutte le confezioni sulle pareti e illuminato dall’interno. Ma nel momento in cui un istante dopo ho fatto per entrare mi hanno fermato:
– Ci scusi tanto ma il negozio è chiuso, stiamo facendo dei lavori e abbiamo solo l’illuminazione, inoltre abbiamo la cassa senza corrente, sicché…nn possiamo venderle i biscotti. Ma se aspetta una mezz’ora dovremmo terminare…

Fosse stato per me avrei soprasseduto. Ma io detesto nn mantenere le promesse. Restava però il problema che il treno sarebbe partito dopo 10 minuti e io sn parecchio ansioso quando si tratta di treni/aerei per traumi giovanili mai rimossi. Quindi, vista la determinazione delle ragazze ho deciso di provare col mega-supermercato sotto la stazione. Ma a parte la fila per pagare nn c’era manco un pacco di Gentilini!
Meno di 6 minuti. Tragedia.
Risalgo e torno là, davanti allo stand e, senza sapere come (ma avendo ben chiaro il perché) mi sono accorto che mi erano cresciuti enormi occhi imploranti, una via di mezzo tra Candy Candy e il Gatto con gli Stivali di Shrek. E così, ci ho riprovato:
– Sentite, io lo so che il negozio è chiuso ma io li DEVO portare alla mia nipotina che aspetta solo i suoi biscottini. Come a dire: nn è per me. È p’a creatura!
E così 2 minuti dopo stavo con due pacchi di biscotti in mano, una bottiglia d’acqua in braccio e una borsa in spalla. Così bardato ho iniziato a correre (si fa per dire) verso il binario. Se Dio vuole, a meno di un minuto dalla partenza e l’ulcera da panico incipiente, sono finalmente salito e ho preso posto sul treno….
Il treno sbagliato però.

La scena col controllore ve la risparmio…

PS: Nn avevo mai notato che i Gentilini sulla confezione avessero stampato un trenino di biscotti. Ah, il destino…

13 thoughts on “Brasil

  1. …semplicemente geniale la scena con il controllore!!!!!ma poi alla fine a’creatura li ha avuti i suoi biscottini? 🙂

    • Questa mattina. Ma a fronte dell’impegno ho fondati motivi per ritenere che nn le siano piaciuti.
      Diciamocela tutta. In quel caso seppur sia una signora nn avrebbe mai proposto: ti vuoi portare il secondo scatolo???
      Mai! Piuttosto mi mollava Pepe (che peraltro mi ha ripetutamente leccato) ma certo nn avrebbe ceduto i biscotti!!! 😄😄😄

  2. Guarda, nell’atto di spendere quei 26,50 euro che costa un singolo pacco di Brasil (ti prego, incàsa) io ero CERTA come la MUERTE che non le sarebbero piaciuti. Non sono i biscotti per lei, li troverà degni delle colazioni in piccole cliniche private nella bassitalia. Detto questo, però, era un dovere morale comprarglieli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...