Se la vita fosse un viaggio…

20140309-030314.jpg
Ovvero: semel in anno licet essere se stessi?

Avete mai notato come le persone in viaggio cambino? Soprattutto se questo si svolge per lunghi periodi di tempo oppure, anche brevi, ma in solitaria.
È come se in queste occasioni alcuni cliché che ci siamo cuciti addosso venissero meno. Lasciando pieno spazio al gusto e alle necessità del momento. Con questo nn voglio dire che a casa siamo necessariamente una massa di ipocriti repressi che nn aspettano altro che un viaggio per “sfogare frustrazioni accumulate in settimana ad obbedire” (cit.). Dico solo che la condizione del viaggio in un posto dove nessuno ci conosce e dove magari siamo più rilassati, determina una maggiore serenità nell’essere noi stessi e nello scrollarci di dosso quelle convenzioni in cui nn crediamo – il ché, in definitiva, sarà pure la stessa cosa, ma in quest’ottica mi piace di più. Va bene!?

Mi piace osservare però che ci sn persone che nn hanno bisogno di stare lontani oltre 1000 chilometri da casa per liberarsi di tutte le pippe mentali che in tanti, a diverso titolo, ci hanno messo in testa fin da piccoli.
E così, seppure di martedì grasso e anche se siete a Vienna anziché a Venezia (ognuno Carnevale lo trascorre dove meglio crede), può capitarvi di vedere un ragazzo suppergiù di 25 anni per un metro e ottanta perfettamente vestito da tigre dei fumetti (Motro’ era proprio Tigro) che, con le sue belle cuffie ad alta fedeltà e il suo pelo arancione striato, sale sul tram e si siede come se nulla fosse nell’indifferenza più generale. Un mito.

La verità è che spesso, tranne forse proprio in viaggio o a Carnevale, quelli che portano una maschera siamo noi.

20140309-030530.jpg

8 thoughts on “Se la vita fosse un viaggio…

  1. Ho la sensazione che, nella vita di tutti i giorni, siamo incastrati in una serie di ruoli attribuitici, che non sono del tutto falsi, ma che finiscono con farci recitare copioni sempre uguali, ridondanti, che a lungo andare ci soffocano.

    Ecco allora la voglia (o, per alcuni, me compresa, il vero e proprio bisogno) non solo di evadere, ma di rimettersi in gioco in situazioni diverse, in altri spazi, per scoprire se e fino a che punto siamo davvero ciò che gli altri ci raccontano e ritrovarci, altrove.

    • È un commento talmente vero che un riscontro mi pare superfluo. Visto che scrivi così bene mi viene però spontaneo chiederti: ma al di là dei tuoi eccellenti manicaretti perché nn ci scrivi qualcosa in più di te? Nn parlo di un’altro blog ma di “condire” con i tuoi pensieri quanto di bello (e buono) già pubblichi. Pensaci

  2. AOH! MA QUANTO SEI PROLIFICO STI GIORNI! CI PIACE!!
    cmq devi sapere che questa potrebbe essere tranquillamente una tuta da sci.
    eeehhh si! non sai quanti inglesi, tedeschi e russi becchiamo sulle piste vestiti da tigri o orsi o conigli…giuro! tra l’altro a me sembrano delle tutone leggerissime…che io userei più come pigiami che per scendere a – 4°C dalla seggiovia.
    Ma si sa…loro hanno altre temperature… 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...