Passeggiate Napoletane

20131228-040835.jpg

Amo camminare. Quando cammini pensi, vedi, capisci, ragioni, respiri…
È un modo per capire me stesso oltre che per conoscere il mondo che mi sta intorno.

Ho calcolato che tra mattina, pomeriggio e notte questa vigilia ho camminato per 15 km grazie ai quali ho digerito la cena e fatto buon posto al pranzo di Natale del giorno successivo.

Insomma, dopo la cena del 24 mi sentivo un po’ come il serpente che ha mangiato il topolino sano-sano. E così, dopo avere scartocciato i regali a Fuorigrotta, ho camminato per tutta la notte (!) tagliando Napoli da una parte all’altra fino a mattino inoltrato.

In questa passeggiata, densa di un silenzio quasi irreale, ho attraversato quattro/cinque diversi quartieri incontrando solo famiglie con bambini che rincasavano e gruppetti di ragazzini in chiacchiera con gli amici che, magari come me, erano tornati per passare il Natale in famiglia.
Alla faccia della metropoli violenta, la verità è che ogni volta invece questa città riesce a stupirmi: la ciliegina sulla torta è stata verso le 5,30 del mattino, a lato della Sanità, quando un gruppetto di rapper che si confondevano con la notte ha improvvisato una mini performance alla fermata del pullman per poi andare a lavorare tutti insieme.

Un’atmosfera semplice e natalizia che nn mi aspettavo più e che una volta ancora mi ha dimostrato quanto sia bello e difficile spiegare questo stupendo manicomio a cielo aperto che è Napoli.

Buon Natale!

4 thoughts on “Passeggiate Napoletane

  1. ma che meraviglia! passeggiare di notte in solitaria, osservare e penetrare la città scoprendola più docile e affettuosa. 🙂
    ma la domanda di quest’anno è: come mai non mi è stato segnalato il post sulla mail?
    forse perchè conteneva struffoli e frutta candita…e sapevano che mi avrebbe fatto male vederli con tutti questi kg addosso che mi hanno provocato!!??!!

    • Nn ti saprei dire! Molto grave! Indagherò 😤
      Comunque ti confermo che è stata un’esperienza unica. Infatti, oltre ad essere bellissima, nn credo la ripeterò. Tengo un’età.
      Il giorni della befana però ne ho fatti sei dall’esquilino a via San Tommaso D’Aquino per andare a vedere una bella mostra di quadri di un amico… Sn un po’ recidivo…

      • eehhh vabbè, un’età…non ti buttare giù!
        delle belle passeggiate, lente, che si assapora l’aria come aspirandola da una pipa se ne possono fare a lungo.
        non ci corre mica dietro nessuno, col passo che ci va e che ci aggrada arriviamo in capo al mondo diceva mio nonno…

      • E sia! Mi piacerebbe anche passeggiare per la tua Torino un giorno. Una città che mi ricorda molto, e nn a caso, il mio attuale quartiere che tanto mi piace: l’Esquilino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...