Taxxi

20131007-235541.jpg

Napoli è come quegli amici talmente simpatici che finisci per perdonare loro tutto quanto ti combinano quotidianamente (e quei maledetti lo sanno bene!).

È facile amarla a distanza certo, mi direte, più difficile è amarla quando, come questa mattina, dopo un fine settimana “de fuego” e il treno in partenza all’alba, aspetti 50 minuti alla fermata del pullman e nn passa nulla! E quando dico nulla intendo proprio nulla! Niente autobus, ma neppure un taxi, radiotaxi neppure a parlarne. Qualche amico misericordioso? Inutile (dopo la diaspora universitaria è più facile che io incontri un napoletano che mi offra un passaggio a Londra che nn a Napoli).
Solo un mare infinito di creaturi che vanno a scuola scortati da vocianti genitori con suv sempre più oscurati e enormi (ma questi nei Quartieri nn restano mai incastrati?).
Finalmente, però, quando stai per mettere mano al bazooka per far saltare in aria Genitori-Swat e suv-blindati in seconda/terza fila, vedi arrivare da lontano il tanto atteso mezzo pubblico.
5 minuti dopo sei su una delle strade più suggestive del mondo: la Tangenziale di Napoli verso Capodichino. Al mattino presto è dominata dal Vesuvio e da una leggera nebbiolina che sale dal mare quasi fosse panna montata. E, a dispetto del previsto diluvio universale, questa città ti regala un sole caldo che ti trasforma in pochi istanti da incazzato che eri in un morbido gatto che fa le fusa e si stiracchia alla sua luce.
Ma nn perdiamo di vista l’obiettivo, ho il treno e ormai mancano solo 20 minuti. Vabbè, pensi, oramai ci siamo… e invece il napoletano deve essere allenato ad aspettarsi la qualunque: solo così avrà sempre la capacità di reagire. E infatti colpo di scena! Il pullman da oggi cambia itinerario e quindi ti porta sì in stazione, ma prima fa il giro dell’universo-mondo, comprensivo di: Centro Direzionale (io prima o poi quel cornuto di un giapponese che lo ha progettato ce lo muro vivo dentro) e giro turistico sotto Poggioreale, con zoccole di 60 centimetri che prendono la tintarella sul muro di cinta.
Lo sgomento dura un attimo. L’attimo dopo è già in corso un consiglio di guerra congiunto con le 4 signore presenti e il conducente che in un attimo si sn fatti carico della tua disperazione e che dopo un rapido calcolo, a dieci minuti dalla partenza del treno optano per una fermata straordinaria e ti scaricano al “posteggio” taxi del carcere.
L’autista, compresa la mia evidente premura, imposta la modalità Stealth e – letteralmente – vola, incurante di vigili, semafori e cristiani, affrontando il chilometro e mezzo che mi separa dai binari a “velocità smodata” e io, proprio come in Balle Spaziali, resto schiacciato ora su un lato ora sull’altro della piccola vettura.
Eppure in tutto questo bailamme mi si allarga un malcelato sorriso.
Adesso so che ce la farò.

http://youtu.be/Ivo7qnhKkYc

PS: Sto entrando a Roma Termini e mi pare la Svizzera (t’voglio-fa-capi’).
E poi si chiedono perché i napoletani sono più svegli, chessò, dei milanesi (tendenzialmente “abbonati”). Ma è evidente! A parità di età anagrafica hanno una vita densa il doppio, forse il triplo. Io sn sveglio da 3 ore e mi sembra di stare in giro da tre giorni!!!

22 thoughts on “Taxxi

  1. Carino!!!senza voler offendere la bellezza indiscutibile di Napoli, però l’avventura mi ha fatto tornare in mente Pechino, i suoi autobus pieni di tutto, metropolitane senza spazio per l’aria e i fantastici tassisti di una volta, capaci di cantare l’Opera da piazza Tiananmen fino a destinazione, con la loro ingenuità e curiosità ti raccontavano la loro vita e tu, in colpa confessavi la tua, omettendo sempre le fortune……ora purtroppo non ci sono più, sono cambiati con la città e si sono omologati a quelli di Shanghai…..incavolati neri!!!!!e, hanno ragione, il traffico é un incubo…..devono anche aver scoperto che il mondo fuori dalla loro gabbia(eh si perché molti ancora sono chiusi in gabbie all’interno del taxi”””)non è più quello che credevano…..ops devo portare i cuccioli all’asilo!!!!!!buona giornata

    • Vero! Il parallelo nn è tanto campato in aria. Anzi! Nn potrò mai dimenticare tuo marito la prima volta che chiuso in 500 vide il traffico di Napoli e disse. ODDIO ma è peggio di Pechino! Qui i motorini sembrano impazziti e gli spazi sono ridotti (o qualcosa del genere;))
      Ciao!

  2. Decisamente è piú facile che lo incontri a Londra un napoletano 😉 … Odi et amo… Come conosco quella sensazione quando torno e tipicamente il tassista di turno all’aeroporto ha casualmente io tassametro oscurato o rotto, viva la predefinita! Uno si è permesso di lamentarsi perchè doveva arrivare “fino a Posillipo” li avrei mandato volentieri a fare un giro sul raccordo anulare alle 9 di mattina….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...