Harley Davidson e Marlboro Man

20130616-215745.jpg

Difficile nn scrivere un post sul fenomeno Harley Davidson che ha portato a Roma, per festeggiare i 110 anni del marchio, qualcosa come 100 mila motociclisti da mezza Europa corredati dal blasonato scaldabagno a due ruote .

Ma perché proprio a Roma? Senza volere entrare nelle insondabili menti degli organizzatori, possiamo immaginare che ci abbiano fatto questo gradito regalo perché il mostro sacro di Milwaukee è un vero e proprio mito nel nostro paese.

Osannata anche da gruppi musicali nostrani (gli 883 si ispirarono alla piccola di casa per il loro nome), l’Harley in Italia all’inizio è stata appannaggio di avvocati milanesi rampanti e cumenda che volevano iniziare a fare i giovani a 50 anni.
Poche altre geniali categorie umane potevano permettersi un tale proibitivo esborso per portarsi a casa un pezzo di storia.
Sì, di storia, ma solo nel senso che aveva logiche e know how nettamente più vicine al velocipede che ad una Moto GP!

Oggi, visto anche il cambio €/$ più conveniente di allora e il Quoziente Intellettivo aumentato a dismisura, l’Harley ha molti più acquirenti. Simpatici ultra 60enni che invece di pensare ai nipotini girano con la groupie minorenne abbranchiata intorno alla vita. E professionisti alla moda che, dismesse le amate Hogan e la grisaglia, afferrano stivale da cow boy, scodella e gilet e cercano di passare inosservati con la loro amata.

Questo peraltro avviene con una certa difficoltà a causa delle onnipresenti abbaglianti cromature che tanto valeva coprirsi di specchi e che guai se queste poi si bagnano “tanto se piove prendo il Cayenne mica l’Harley ” (al punto che qualcuno pensava fossero idrosolubili).

Ma il vero marchio dell’Harleista è quel simpatico fracasso che mi ha sempre ricordato tanto gravi forme di meteorismo intestinale.
Per quanto la discrezione nn sia cosa da tutti è evidente che le marmitte (o silenziatori) di Milwaukee abbiano ormai l’unica manifesta funzione di aumentare l’area della superficie cromabile.

Quanto esposto, unitamente alle vibrazioni da martello pneumatico,
alla proverbiale tenuta di strada (si ribaltano in parcheggio) e
alle soluzioni tecniche nn proprio degne della Nasa, fanno di queste moto e dei loro utilizzatori finali (con minorate al seguito) una specie di incubo.
.
.
.

Questo post è dedicato a coloro che amano le motociclette.
Quindi anche e soprattutto agli Harleisti: siete sempre in tempo a cambiare moto. Saluti!

18 thoughts on “Harley Davidson e Marlboro Man

  1. Il rombo delle Harley è musica per le mie orecchie…quando siamo stati costretti a vendere la nostra moto, il Road King del centenario, causa nascita bimba, ho sofferto come se avessi perso un amico a quattro zampe…mitica due ruote splendente e magica, perchè UNICA!

    • Questo periodo è maledetto. Essere costretti a vendersi la moto, anche quando è motivato dall’arrivo di una creatura, nn è mai una cosa bella.
      E e anche se io sn convinto che nel cambio moto/bimba ci siate andati a guadagnare 1 mln di volte vi auguro di riuscire a ricomprarla quanto prima!

    • Ps: detto questo, allorquando doveste ricomprare il vociante trabiccolo, vi supplico di apporre all’amata creatura tappi e occhiali da sole per tutelarne gli occhi e le giovani orecchie (in ordine inverso). Ma soprattutto un casco degno di questo nome, che serva a qualcosa in più che a proteggere dal sole la zucca, e nn una scodella che appare studiata solo per tutelare il capoccione solo da sgraditi regali di gabbiani e piccioni vari.

      • uowwwww ma è fantastico!!
        e vedrai adesso che cambi casa!
        insomma, quando torno a roma non ti riconoscerò! prego metteri un cartellino identificativo 🙂
        quanto alla PIATTA-FORMA (che credo apparterrà più a te che a me in ogni senso!) io nun sò capace! poi vi farò vedere il perchè e il percome.
        però che ce vò a mette dù paroline nel captcha pure tu!!! 😉

    • Io posseggo ancora, ma nn posso più guidare, una meravigliosa PX 150 portata a 177 Polini in ghisa causa grippaggio etc etc. Trovo che sia il mezzo migliore mai crato. Anche meglio di una moto. E ho detto tutto lei può fare tutto il casino che vuole!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...